BARDIANI CSF FAIZANÈ: ANDREA GAROSIO “RE” DEL GHISALLO. ALL’ATTACCO NE IL LOMBARDIA, CONQUISTA LA PRESTIGIOSA VETTA DURANTE I SUOI 150 KM DI FUGA.

09.10.2021

Una grande corsa d’attacco per Andrea Garosio bravo a inserirsi nell’azione partita ai piedi della Madonna del Ghisallo dopo circa 30k di corsa. Durante i suoi 150 km corsi all’attacco conquista la prestigiosa vetta della Madonna del Ghisallo che gli vale il premio Todisco, sul prestigioso podio de Il Lombardia.

Bardiani CSF Faizanè all’attacco nell’ultima classica monumento della stagione. Sulle strade de Il Lombardia è Andrea Garosio a mettersi in evidenza imbroccando una fuga non semplice, evasa dal gruppo dopo circa 30 km di corsa caratterizzati da scatti e controscatti. Decisiva l’ascesa della Madonna del Ghisallo dove si sono avvantaggiati una decina di atleti, tra cui Andrea Garosio, che proprio sulla prima delle sette asperità di giornata conquista per primo la vetta e il relativo premio Todisco, riservato a chi transita per primo sulla prestigiosa vetta del Ghisallo e che gli permette di salire sul prestigioso podio premiazioni de Il Lombardia.

Dopo oltre 150 km di corsa sul Dossena si anima la corsa sia nel gruppo, che tra i fuggitivi. Nel gruppo di attaccanti è proprio Andrea Garosio ad attaccare e fare selezione riducendo il gruppetto a 6 unità e mantenendo un buon margine di vantaggio sul gruppo.

La fuga deve quindi arrendersi al gruppo dei migliori dopo circa 150km corsi in avanscoperta e una buona gara d’attacco.

 

Queste le parole di Andrea Garosio sul podio de Il Lombardia.

Andrea Garosio: “Essere salito sul podio premiazioni di una delle 5 classiche monumento del ciclismo internazionale è per me un grandissimo onore. La nostra azione è andata via proprio nelle prime curve dell’iconica salita Madonna del Ghisallo. Sapevo del premio in palio e anche dall’ammiraglia mi hanno incitato a conquistarlo, sono felice di esserci riuscito. Conosco molto bene queste strade, sulla salita del Dossena, quella che conosco meno in verità, ho rilanciato l’azione della fuga per cercare di mantenerci all’attacco più a lungo portando via un gruppetto più ristretto. So di aver dato il massimo su quelle che sono per me anche le strade dei miei allenamenti, sono felice di questo premio che ripaga gli sforzi fatti in queste settimane.”