“Vincere la maglia un obiettivo difficile ma non impossibile”

Alla Tirreno-Adriatico, dopo quattro frazioni, Mirco Maestri veste di arancione per il secondo giorno di fila. Il reggiano della Bardiani-CSF si sta ritagliando uno spazio importante nella Corsa dei Due Mari e con tre fughe in altrettante tappe in linea, ha conquistato la leadership provvisoria della classifica a punti.

“Questo obiettivo mi sta costando molta fatica, ma è sudore ben speso” ha spiegato Maestri. “La mia caccia di punti si basa sugli sprint intermedi e per provare a vincerli c’è solo un modo: andare in fuga. Nella seconda tappa ho fatto il pieno, ieri due secondi posti, oggi ho vinto il primo ma poi il gruppo ci ha ripreso. Ci sono pochi calcoli da fare, devo guardare alle prossime tappe, provare ancora ad andare un fuga e attendere, di giorno in giorno, la divisione dei punti al traguardo. Sulla carta Alaphilippe è l’avversario più temibile, ma i tanti punti in ballo all’arrivo possno tenere in gioco tanti nomi. L’obiettivo non è semplice, ma neanche impossibile. Tonelli ieri mi ha dato una grossa mano in fuga e tutti i compagni saranno preziosi per le prossime due tappe. Insomma… crediamoci!”.

Al termine della Tirreno-Adriatico mancano tre tappe: domani e lunedì le due in linea, mentre mercoledì è in programma la tradizionale cronometro finale. In tutte saranno assegnati punti validi per la maglia arancione.